Unearthed Arcana: Viaggiatori del multiverso

Ciao, sono Beto, il proprietario del Blog, ti ringrazio per aver cliccato sull’articolo!
Come forse avrai notato, esclusi i banner sui manuali, questo blog non ha pubblicità perchè sono contro la loro invasività a fronte di un ricavo infinitesimale. Purtroppo però le spese di mantenimento sono aumentate e le tremila email di candidatura a un nuovo lavoro restano senza risposta, quindi mi chiedevo, se apprezzi il lavoro che faccio, se ti andasse di darmi una mano per continuare a gestire il blog con una donazione minima per coprire i costi di mantenimento del server; anche offrendomi l’equivalente di un semplice caffè!
Se sei interessato a supportare un D&D content creator clicca qui!
In ogni caso, grazie per avermi seguito, tornerò presto con un altro artiolo!

Ieri è uscito il nuovo unearthed arcana, dal titolo “Viaggiatori dal Multiverso”

Questo documento presenta quindi ben sei nuove e incredibili razze tutte da playtestare che, ricordiamo, seguiranno la nuova politica della Wizard per quanto riguarda gli aumenti delle caratteristiche.
Ma ora, senza ulteriori indugi, vediamole insieme:

ASTRAL ELF

Nel tentativo di avvicinarsi ai loro dei, degli elfi del Feywild si sono avventurati nel piano astrale e la vita nel Silver Void ha infuso le loro anime di una scintilla di luce divina che si manifesta con un brillìo stellare nei loro occhi. Dato che nulla invecchia nel piano astrale, questi elfi hanno migliaia d’anni e hanno quindi una diversa prospettiva del tempo; alcuni sono malinconici, altri non hanno quasi sentimenti, ma molti cercano modi creativi di passare il tempo. Che abbiano scelto di vivere in quieta contemplazione o esplorare i limiti dell’universo, poche cose hanno davvero significato per degli occhi cha hanno vissuto e visto così tanto. Gli elfi astrali che non risiedono nel piano astrale possono vivere oltre i 750 anni.

AUTOGNOME

Gli autognomi sono creature meccaniche costruite, per scopi particolari (ad esempio come assistenti), dagli gnomi delle rocce a loro immagine e somiglianza. A volte a causa di un malfunzionamento o di una circostanza insolita l’autognomo viene separato dal suo creatore e diventa indipendente. Un autognomo assomiglia al suo creatore e la maggior parte sono programmati per parlare e comprendere lo gnomico. I componenti interni di un autognomo ppssono variare incredibilmente: qualcuno potrebbe avere nel petto un autentico cuore che batte, mentre altri potrebbero funzionare grazie a degli ingranaggi o alla polvere di stelle. Come gli gnomi, anche gli autognomi possono vivere per secoli, fino anche ai 500 anni.

GIFF

I giff sono una razza alta e imponente, dalle fattezze di ippopotamo. Alcuni hanno la pelle mprbida, mentre altri hanno delle setole corte sul volto e sul capo. Avendo una stazza impressionante ed essendo difficili da non notare, i giff attirano sempre l’attenzione.
Hanno una lunga tradizione come cantastorie e non è insolito vedere un giff raccontare le proprie imprese passate a una platea rapita nell’ascolto. Può essere anche molto utile avere un giff vicino in una rissa in taverna, perché questa razza non le manda certo a dire quando ci si deve azzuffare. Per quanto riguarda la pronuncia del loro nome ci sono due scuole di pensiero (AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA): una sostiene l’uso di una g dolce, l’altra di una g dura. Questa differenza ha spesso generato discussioni molto animose, risentimenti e gare di testate, anche se raramente si passa a cose più pesanti.

HADOZEE

Gli hadozee sono una razza dalle fattezze scimmiesche che molto tempo fa si è adattata per vivere tra gli alti alberi del loro mondo natale.
Sono scalatori provetti anche grazie ai piedi prensili, abili quanto le loro mani, persino dotati di pollici opponibili. Membrane di tessuto pendono flaccidamente da braccia e gambe, e quando vengono tese permettono agli hadozee di planare. I primi hadozee avevano molti grandi predatori naturali e per difendersi si è quindi sviluppato un grande senso di comunità, che tuttora li spinge a stringere e coltivare molte amicizie, consapevoli che più si è più è probabile sopravvivere.

PLASMOIDS

I plasmoidi sobo creature amorfe senza una forma tipica. In presenza di altre razze tendono a specchiarne la forma, ma è difficile confondere la vera razza con un plasmoide. Consumano il cibo per osmosi, come un’ameba, ed espellono gli scarti attraverso i pori. Respirano ossigeno attraverso altri pori, e i loro arti sono abbastanza forti e flessibili da manegggiare armi e attrezzi vari. Anche se la maggior parte dei plasmoidi sono di un grigio traslucido, possonk alterare sia colore che trasparenza assorbendo tinture sempre tramite i loro pori. I plasmoidi non hanno degli organi interni come siamo abituati a pensarli; i loro corpi sono composti da cellule, fibre, un plasma simile alla sostanza che compone le ooze, e ammassi di nervi chiamati gangli (che permettono loro di percepire luce, calore, suono, dolore, texture e vibrazioni). I plasmoidi possono indurire gli strati esterni dei loro corpi per mantenere una forma umanoide, in modo anche da indossare vestiti e accessori. Parlano facendo passare forzatamente l’aria dentro cavità tubolari che si comprimono per generare il suono. Quando dormono perdono la loro forma, spesso “allargandosi” e vengono confusi per una roccia o altre caratteristiche ambientali.

THRI-KREEN

I thri-kreen hanno delle caratteristiche insettoidi e sono dotati di due paia di braccia (possono usare armi leggere ma non scudi o altre armi). Il loro corpo è rinforzato da uno strato di chitina, e possono alterare il colore del loro carapace per meglio mimetizzarsi nell’ambiente. Anche se non hanno bisogno di dormire, necessitano di periodi di inattività per rigenerare le forze; durante questi periodi sono pienamente coscienti e consapevoli di quello che accade attorno a loro. I Thri-kreen parlano facendo schioccare le mandibile e muovendo le antenne, comunicando ai propri simili anche il loro stato d’animo. Altre creature trovano questo metodo di comunicazione difficile da interpretare e impossibile da riprodurre, quindi per comunicare con altre razze si affidano a una forma di telepatia.


Insomma una Unearthed Arcana che strizza l’occhio ai vari Multiversi, che Modenkainen’s Monster of Multiverse sia come Fizban‘s, ovvero il nuovo modo di introdurre nella 5e il tanto desiderato Spelljammer? Daltronde molte di quelle razze erano contenute in quel manuale…

Ah dimenticavo, QUI trovi la Unearthed Arcana in lingua originale con tutte le stat delle nuove razze!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *